"IL PERDONO NELLA BIBBIA"

ASCOLTA LA REGISTRAZIONE DELLA SERATA:

SCARICA IL FILE .mp3 SUL TUO COMPUTER: don_Fabris_ 10.02.2012.zip


Relazione di Mons. Rinaldo Fabris
10 febbraio 2012


Buonasera a tutti.
Vi consegno una piccola traccia di quello che io dirò e soprattutto una documentazione, che trovate verso la fine nel secondo foglio con due testi dell’AT. In una serata ho pensato di delimitare il tema, la trattazione, al perdono di Dio nella Bibbia, nel Primo Testamento (impropriamente testamento ebraico, o canone della tradizione ebraica) lasciando sullo sfondo –potremmo evenfabristualmente concludere con un testo su questo - il  perdono reciproco, il perdono condiviso, o la condizione per  ricevere il perdono di Dio come perdono dato, per poter pregare e invocare il perdono dei peccati; perdono dato nell’ambito della comunità, perdono condiviso a cui si richiamerà la preghiera di Gesù commentata, l’unica domanda del Padre nostro commentata espressamente da Matteo e, in un frammento, si trova anche in Marco. Marco che non ha il Padre nostro, ma commenta proprio questo: quando ti metti a pregare, perdona se ha qualche peccato, colpa, nei confronti degli altri perché la tua preghiera sia esaudita, per ricevere il perdono. Marco, cap. 11, quando parla della preghiera efficace. La condizione è che ci sia il perdono, la riconciliazione.  Più che conciliazione con il vigile, è riconciliazione, che è diversa, che è linguaggio tipicamente paolino; non è nell’AT. E’ tipico linguaggio greco che riguarda il rapporto tra amici, tra gli sposi, le città; e Paolo lo adopera in due/tre testi storici (Romani e 2Corinzi) e poi lo riprende un discepolo di Paolo nella Lettera ai Colossesi. 
Ma ho detto limitiamoci al perdono di Dio nell’AT, con risvolti anche nel Nuovo. Ho voluto fermarmi su questo perché una delle precomprensioni o pregiudizi riguardo alla Bibbia è che in realtà la misericordia di Dio, il perdono, la bontà di Dio l’ha rivelata Gesù, chiamando Dio “Padre”. Questo è uno dei tanti pregiudizi di chi non ha letto la Bibbia se non sentita per caso, o ha letto alcuni testi. Ci sono aspetti anche di un Dio intransigente, di un giudice, ma direi che l’unica definizione di Dio nel testamento ebraico è “Dio misericordioso”. Ripreso poi nella tradizione islamica all’inizio delle 114 sure (capitoli) in cui si divide il Corano (Corano vuol dire “proclamazione”; come la Bibbia chiamata “proclamazione” nel testo ebraico). Tutte le sure incominciano: nel nome del Misericordioso e Clemente. Poi come si conciliano la clemenza e la misericordia di Dio con una giustificazione della jihad, non solo come “sforzo”, “impegno”, ma anche come lotta armata nei confronti degli infedeli all’interno prima, e poi al di fuori, questo è un altro problema. Ma questo non è solo per i musulmani, ma anche per i discepoli di Gesù che in nome della fede cristiana hanno esportato guerre e violenza. Questo è un fenomeno comune a tutte le religioni: l’uso della guerra sacra, della guerra santa; tempi e modi diversi. Oggi non si chiama più guerra santa, ma si fa lo stesso la guerra giustificandola con altri motivi, non più religiosi, ma politico-economici, o ideologici.

Ma torniamo al nostro tema: il perdono di Dio nella Primo Testamento. Dico subito che il perdono può avere come soggetto per la Bibbia solo Dio. Solo Dio perdona i peccati. E questo lo ritrovate nella controversia riportata da Marco e ripresa dagli altri due (Matteo e Luca) quando Gesù di fronte ad un uomo che viene calato giù da quattro amici nella piccola stanza o cortile dove Gesù sta parlando a Cafarnao, vedendosi davanti quest’uomo paralizzato gli dice subito, senza rispondere a quella che era l’intenzione dei quattro amici: coraggio figlio, ti sono perdonati i tuoi peccati. La reazione dei maestri della Bibbia, esperti di Scrittura che restano sconcertati:  questi abusa i poteri di Dio, è un bestemmiatore. Chi può rimettere i peccati se non Dio solo? (Mc 2, 5-6) Dunque è una convinzione della Bibbia e della tradizione ebraica che solo Dio perdona; del perdono umano magari ne parliamo dopo, se è possibile, se è un’utopia, un pio desiderio di rimuovere le cose che creano disturbano, che creano depressione e crisi esistenziale.
Io dico allora subito che tutte le grandi religioni universali (lasciamo stare le culture) quelle asiatiche, quelle tre religioni che derivano dall’unico ceppo monoteistico (ebraica, cristiana e islamica) si sono poste il problema di come eliminare il male, il peccato e hanno inventato sistemi per rimuovere, cancellare, togliere, eliminare il peccato (in un linguaggio molto complesso ed ampio). Io dico che è impossibile, non solo convivere, ma anche vivere (cioè vivere i rapporti sociali, familiari, amicali) portando addosso tutto il male anche involontario, cose che abbiamo fatto nei confronti degli altri, ma anche nei confronti di noi stessi. Cioè il male ci schiaccia, soprattutto quando è un male legato a errori, fallimenti, ignoranza che ha fatto soffrire le persone, ha fatto star male. Cioè uno rimane schiacciato da questo. Il complesso di colpa è una delle cose più terribili. Si può sopportare il mal di denti, ma questo è qualcosa che ti corrode dentro e che toglie la voglia di vivere perché – ho detto – il male, che fa parte della nostra vita di creature fragili, deboli, si accumula. E ‘impossibile vivere senza eliminare questo peso che ci schiaccia. Tutte le religioni hanno trovato dei sistemi: il bagno di immersione nel Gange, la confessione pubblica delle proprie colpe, il consiglio, ma soprattutto i riti che stanno alla base di tutte le esperienze religiose: i riti di purificazione. Soprattutto i delitti di sangue che stanno alla base poi delle tragedie.
 
Nella Bibbia c’è un sistema molto organizzato per eliminare il peccato, non solo della singola persona, ma anche della comunità. Il senso collettivo è molto sentito. Prima del V sec. a.C. non c’è un vera e propria coscienza individuale; c’è una specie di asse trasversale di tutte le culture e civiltà che vanno dall’Asia, passando attraverso il Vicino e Medio Oriente e poi la Grecia in cui si sviluppa la coscienza individuale (V sec.). Questo passaggio è stato poi esaltato nel mondo occidentale con il Rinascimento: il passaggio dalla coscienza collettiva a quella individuale, passaggio molto sentito oggi, quasi esasperato, per cui c’è l’individuo e la collettività c’è solo quando si deve organizzare qualcosa insieme, ma non c’è la coscienza collettiva nel senso profondo che caratterizza invece la cultura e la civiltà antica in cui si colloca la tradizione ebraica.
Dunque il bisogno di trovare il perdono nell’ambito della comunità. E il peccato è vissuto come infrazioni di un tabù, le inavvertenze, che però sono avvertite come qualcosa che ti schiaccia. Tu hai infranto una legge dell’ordine, soprattutto della relazione con le cose, le persone, non ha nulla a che fare con la morale la cosi detta impurità, contaminazione. Per noi oggi la contaminazione è assimilabile a quella dell’energia atomica. Per loro era qualcosa che impediva il contatto col santo. Il santo, che è Dio, il puro, si contrappone con tutto quello che è impuro, tutto ciò che ha a che fare con la morte: malattie, disfunzioni. Questo ti impedisce di entrare in contatto col santo allora c’è un sistema di purificazione: il bagno rituale (questo anche al tempo di Gesù). Sistema ossessivo. Gesù doveva muoversi in questo universo di purità e impurità sui cibi, il calendario, la dieta, il rapporto con le persone, gli stranieri, le donne, i malati, i bambini. Un mondo complicato. Lui elimina questo: quello che contamina non è il cibo, non sono le persone, non è sangue, non la malattia (Lui tocca i malati e questo voleva dire contaminarsi, religiosamente; qui non c’entra la morale; insisto su questo: se non c’è libertà, coscienza, non di può parlare di morale. E’ solo un problema religioso: il tabù violato; un’anti energia, un’energia negativa – usiamo questo termine per capirci), dicendo che l’impurità viene dal cuore, cioè dalla relazione, dal rapporto, inteso come giusti rapporti con Dio e con gli altri.
C’è un libro intero dedicato a questo – il Levitico  - terzo libro del Pentateuco che contiene tutti questi codici di impurità. Lì si dice: siate santi come io sono santo. La santità è il Decalogo, ma anche tutta questa serie di norme in cui c’entra la vita familiare, sociale, ecc.

Accanto a questo sistema di sacrifici fatti nel santuario, di abluzioni, di bagni, di offerte, c’è un grande giorno del perdono. Qui io vi ho indicato qualche cosa. Possiamo leggere il secondo testo che vi ho messo nel foglio. Sono i capitoli 16 e 17, ma soprattutto il 16 interamente dedicato a questo rituale chiamato kippur, al plurale kippurim perché si parla di più espiazioni. La parola kippur è stata tradotta con il termine espiazione creando una grande confusione, fino ai giorni nostri. La traduzione giusta sarebbe perdono.  Quando voi traducete espiare mettete in gioco qualcosa che non ha nulla di biblico, che viene dai sotterranei della cultura religiosa, terroristica del mondo greco-romano, mesopotamico, egiziano. Cioè la religione della paura, del tabù violato. E il tabù violato chiede una prestazione o un’offerta di riparazione. Anche recentemente un personaggio importante dell’Italia parlando di Cesare Battisti ha detto: deve venire in Italia per espiare il suo crimine. Dove in espiare avvertite subito il linguaggio giudiziario, forense. E’ colui che paga per un crimine, un delitto, con una pena corrispondente (limitazione di libertà, un po’ di tribolazione) in modo che torni un po’ di equilibrio. Il male che lui ha fatto in qualche maniera lo porta su di sé per espiare.
Vediamo da dove è venuta fuori questa idea dell’espiazione, con tutto poi il marchingegno che è stato trovato per la riparazione, dove si è introdotto l’idea che Dio può esser placato, e quindi può dare il perdono, solo se tu offri qualche cosa che lo renda pio (pio sta proprio alla base del vocabolo latino espiare). Il capoufficio si è alzato con la luna storta, tu gli offri il caffè, gli fai un po’ di moine e lui si rabbonisce, torna pio. Sia il termine greco, come quello latino prima e italiano poi, è legato a questa idea di un re, di un personaggio importante che è incollerito e tu cerchi di placarlo. E se la collera è grande bisogna fare molti sacrifici. Da cui l’idea che Dio si placa attraverso la sofferenza. Tutta l’idea del dolorismo religioso: Dio diventa buono quanto più tu soffri. Da dove è venuta fuori questa idea balzana che è una distorsione totale del rapporto con Dio? Non parliamo poi dei danni che produce a livello psicologico, sociale. Abbiamo sempre sentito dire che Dio si compiace di quelli che soffrono e più soffri più Dio è contento. Questa idea viene da questo testo del Levitico, da una traduzione fatta dagli ebrei di Alessandria che hanno tradotto a loro modo e da lì è entrata l’idea che ha percorso i secoli cristiani, rileggendo la morte di Gesù come la grande riparazione attraverso la grande, immane sofferenza che è quella del Figlio di Dio. Il peccato era infinito e ci voleva una sofferenza infinita e la poteva fare solo il Figlio di Dio. Fa parte del vecchio meccanismo delle culture pagane: le divinità che ce l’hanno con l’umanità perché hanno infranto un tabù e allora bisogna offrire tante pecore per placare la divinità che ha mandato la peste, ha mandato la carestia, le guerre , le pestilenze, i terremoti, le alluvioni, gli incendi. L’idea della sanzione. Dunque il cercare di rabbonirlo facendo offerte, sacrifici e, siccome non si può uccidere una persona, allora si prende un agnellino, una capretta. Ma cosa c’entra questo con i nostri problemi di coscienza?
   
Senti cosa si legge nel Levitico; siamo nel contesto di una santità da ritrovare nel caso di colpa o peccato.
Il Signore disse a Mosè: Parla ad Aronne, tuo fratello: non entri in qualunque tempio nel santuario, oltre il velo, davanti al propiziatorio che sta sull’arca, affinché non muoia, quando io apparirò in mezzo alla nube sul propiziatorio…” (Lv 16,2).
Già la parola propiziatorio ha a che fare con l’idea del propiziare, del tenere buono, placare, rabbonire. Il coperchio dell’arca, questo coperchio dorato di questa cassetta che veniva dall’esperienza dell’esodo, era segno della presenza di Dio, con dentro le tavole dell’Alleanza, il patto contratto con Dio, e il Signore aveva il suo trono su questo coperchio dorato sopra i cherubini ricurvi adoranti, simbolo del trono di Dio. Dunque sta dietro il velo (c’era la prima stanza, il velo e poi il santo dei santi dove non entra mai nessuno se non il sommo sacerdote una volta all’anno). Immaginate questo piazzale con tutta la folla fuori prostrata mentre il sommo sacerdote entra. E sentite come deve entrare:
Aronne offrirà il proprio giovenco del sacrificio per il peccato e compirà il rito espiatorio per sé e la sua casa. (Lv 16,6)
La prima cosa è ristabilire il rapporto tra la famiglia sacerdotale e Dio in modo che tale che poi lui sia adatto a fare la mediazione a favore del popolo.
Poi prenderà i due capri e li farà stare davanti al Signore all’ingresso della tenda del convegno e getterà le sorti sui due capri: un capro destinato al Signore e l’altro ad Azazèl. (Lv 16,7-8)
Torneremo su questo Azazèl che è un nome dato allo spirito del deserto che noi chiamiamo diavolo.
Aronne offrirà il proprio giovenco del sacrificio per il peccato e compirà il rito espiatorio per sé e per la sua casa… Così purificherà il santuario dalle impurità degli Israeliti e dalle loro ribellioni, insieme a tutti i loro peccati. (Lv 16,11.16)
Quando avrà finito di purificare il santuario, la tenda del convegno e l’altare, farà accostare il capro vivo. (Lv 16,20).
Badate che l’uccisione non era per placare Dio con la morte, ma per avere il sangue, perché questo ottiene il perdono, o meglio è simbolo, tramite di relazione ristabilita. Adesso voi capite perché per venti secoli continuiamo a ripetere la nuova ed eterna alleanza nel suo sangue. Il sangue dell’alleanza: cosa vuol dire? E’ il sangue materiale o il simbolo di  qualcos’altro? La spiegazione l’avete adesso. Ma prima permettetemi una piccola digressione su questo capro mandato al diavolo.
Aronne poserà entrambe le mani sul capo del capro vivo, confesserà su di esso tutte le colpe degli Isaraeliti, tutte le loro trasgressioni, tutti i loro peccati e li riverserà sulla testa del capro; poi per mano di un uomo incaricato di ciò, lo manderà via nel deserto. (Lv 16,21)
Morirà nel deserto. Si tratta del capro espiatorio. L’unico linguaggio che è entrato nel mondo psicologico, sociale  è quello che capro espiatorio che è un rito entrato di soppiatto. Ha poco a che fare con la grande tradizione dell’Esodo, dell’Alleanza, viene dal mondo dei beduini. Siccome non basavano i due riti, quello dell’aspersione prima per la propria famiglia (sacerdotale), poi per il popolo, allora hanno aggiunto questo rito che facevano i beduini, cioè un capretto sul quale si trasferiva (il gesto dell’imposizione delle mani) il peccato e che veniva mandato alla morte. E questo è presente in tutte le culture in cui si individua una persona su cui riversare tutta la cattiva coscienza di un gruppo; questo avveniva nelle città greche, romane e anche oggi c’è il bisogno di scaricare il proprio complesso di colpa su qualcuno che deve essere eliminato. Questa cosa non è stata in ventata, è presente nella coscienza. Perché noi abbiamo bisogno di sapere chi è che ha commesso quel delitto che rovina la famiglia, la società, la chiesa. E’ un rito pagano.; non c’è nessun collegamento con il Dio dell’esodo.

E adesso abbiamo finalmente la spiegazione del perdono attraverso il sangue.
Ogni uomo, Israelita o straniero, dimorante in mezzo a loro, che mangi di qualsiasi specie di sangue, contro di lui che ha mangiato il sangue, io volgerò la faccia e lo eliminerò dal suo popolo. Poiché la vita della carne è nel sangue. Perciò vi ho concesso di porlo sull’altare in espiazione per le vostre vite; perché il sangue espia in quanto è la vita. (Lv 17, 10-11)
La traduzione che hanno fatto gli ebrei di Alessandria rispetto al testo ebraico che diceva “a favore della vostra vita, perché voi possiate vivere”, è “al posto della vostra vita” e questo è entrato poi nella spiegazione della morte di Gesù che è morto al nostro posto, oppure del capretto che viene mandato a morire al posto nostro. L’idea di una espiazione vicaria che viene da una falsa traduzione del greco perché la teologia è stata fatta sulla traduzione greca del testo che i cristiani leggevano nel I secolo prima di iniziare a leggere il testo in ebraico in cui non c’è questa idea di sostituzione. Il sangue espia in quanto Dio ha scelto di porlo sull’altare come tramite di perdono, di espiazione. Solo che il termine espiare nella Bibbia ha a che fare non con un’azione umana (per questo ho iniziato stasera dicendo che il perdono non è un prodotto di una manovra umana) ma solo di Dio. Perciò si chiama perdono che vuole dire dono intenso, assoluto. Il perdono non si conquista, non c’è nessun marchingegno per ottenerlo. Il perdono è un atto libero, sovrano di Dio.
Il soggetto del verbo espiare è sempre solo Dio. Dio espia i peccati perché espiare traduce un  termine semitico che viene dall’accadico, koppuru, che significa copre, cancella, elimina il peccato; il soggetto è Dio., non l’uomo che fa riti, abluzioni, presenta gli animali. Il sangue è solo simbolo di relazione ristabilita, cioè di vita perché il sangue è vita. Il sangue serve a ristabilire questo contatto. Questo credo sia il punto più importante per capire il perdono nella Bibbia che passerà poi anche nella tradizione evangelica. Gesù si rifarà a questo: il dio misericordioso. Quando quel figlio torna a casa, non pentito, ma per mangiare (come i servi che hanno cibo in abbondanza), prima che lui faccia il discorso che aveva preparato, gli va incontro, lo bacia, lo abbraccia; l’altro tira fuori il discorsino che aveva preparato, ma il padre lo tronca e lo riabilita. Senza chiedere nessuna condizione: impegni, propositi di cambiare vita. La conversione è il cambiamento che Dio produce. E’ tipico della mentalità ebraica pensare che se faccio penitenze, digiuni, ottengo il perdono. Questo è il contrario di ciò che dice Gesù. Gesù dice che il padre accoglie il figlio perché mosso da compassione. E compassione traduce il termine ebraico che significa misericordia, un istinto di amore irresistibile. E’ come le viscere di amore di un padre o di una madre che di fronte al figlio ribelle, sono tentati di diseredarlo, poi ci ripensano.
Dio è così perché è misericordioso; non c’è rivalsa. E la punizione, la condanna?... E qui entriamo nella seconda parte, ultima, sulla quale possiamo poi anche parlare, perché questo è un problema molto delicato, quello del perdono come atto libero, sovrano, gratuito, di Dio. Dono immeritato, tant’è vero che si invoca.: rimetti a noi i nostri debiti, dove il rimettere agli altri non è la condizione, è una possibilità che Dio ci da. Noi possiamo invocare il perdono finale perché siamo stati già perdonati. Ricordate quella parabola che racconta Matteo dell’amministratore che ha truffato dieci mila talenti, una cifra enorme, impossibile (sono tre anni di tasse di Erode il Grande, famoso per dissanguare i contadini). Mosso a compassione gli condonò il debito. Il perdono non si può meritare, solo lo invochi. Poi viene la seconda parte: non dovevi anche tu avere pietà. Cioè il perdono umano è frutto del perdono di Dio. Solo perché sei stato perdonato, tu puoi perdonare. Scriverà Paolo nella lettera agli Efesini, parlando dei battezzati: non tramonti il sole sulla vostra ira, non usate parole malvagie, lavorate per aiutare anche chi non può mantenersi; e poi dice: perdonatevi a vicenda come Dio ha perdonato a voi in Cristo. Lo yom kippur è Gesù, dove il sangue non è più simbolo di vita, ma la morte del martire. Li amò sino all’estremo. I gesti di guarigione, sono gesti che preludono al grande dono, il perdono. Abituiamoci a pensare il perdono come parola che viene dal Medioevo: il grande dono, assoluto.
Dunque in Gesù Dio ci ha perdonato, perciò possiamo anche perdonarci gli uni gli altri. Avendo ricevuto un così grande perdono lo condividi, hai la forza di non reagire al male con la ritorsione.

Veniamo all’ultimo punto: perdono e giustizia.
Come si mette d’accordo questo perdono immeritato, infinito, totale di Dio, con il problema dei giusti rapporti, dell’ingiustizia. Mi ricordo un convegno a Milano, dove erano presenti tanti ebrei, musulmani, buddisti e l’ebreo disse: voi siete conniventi con il criminale, perché con il perdono, con il buonismo, voi aggiustate tutto, ma il male bisogna sradicarlo, coprirlo. Il termine kippur vuol dire cancellare. Dio lo può fare, ma il perdono umano può riprodurre il perdono di Dio, l’unico che può cambiare il cuore, la relazione profonda dell’essere umano con Lui?
Nella tradizione biblica Dio è presentato come il misericordioso. Nel testo di Esodo (cap. 34) Dio perdona il peccato fino a mille generazioni anche se le conseguenze del peccato vanno fino alla quarta (nel mondo antico ebraico, quando le cose funzionavano bene si potevano vedere i nipoti dei nipoti). Dio blocca le conseguenze del peccato; mentre il perdono è senza limiti. Questo è il perdono di Dio.

Allora io vorrei partire da un racconto programmatico che sta all’inizio della Bibbia dove si racconta la storia del peccato ed è il racconto di Genesi. E’ un testo fondamentale perché è il modello di tutti i peccati, perché il peccato consiste non tanto in un incidente di percorso, un fallimento del proprio progetto,  quanto nell’abuso di potere, il potere di controllare il bene e il male. Il potere assoluto. Questa è la tentazione. Però la vera conseguenza dell’abuso di potere l’avete nel secondo racconto programmatico, icona della storia umana: la storia di due fratelli, delle due culture. Il contadino è il primogenito, forte, e il fratello debole, effimero (il suo nome Abel dice soffio, stringere nel pugno l’aria,). Questi è il secondogenito, fragile, solo che ha fortuna perché il suo rapporto con Dio è benedetto, mentre l’altro ha l’impressione che non accetti le sue offerte. Da qui, l’ostilità che nasce dall’invidia. Il fratello minore che fa ombra al maggiore. Dio si rivolge a Caino, il maggiore, quello che aveva la benedizione del padre (e che trasmette la benedizione): perché hai il volto triste, abbattuto? Il peccato è accovacciato alla tua porta, come una bestia. E tu lo puoi dominare, non lasciarlo entrare. Poi sapete la storia, Caino porta Abele in campagna, alza la mano contro di lui, lo uccide. A questo punto interviene Dio.(Genesi 4,9-23)
Allora il Signore disse a Caino: dov’è Abele, tuo fratello?. Egli rispose: non lo so.
Badate che per eliminare le persone bisogna cancellarle dal proprio ambiente affettivo prima; è la rimozione totale: non lo so.
Sono forse io il custode di mio fratello?
Si lo è perché il fratello maggiore è responsabile del minore. Il forte deve difendere il debole.
Riprese: che hai fatto? La voce del sangue di tuo fratello grida a me dal suolo! Ora sii maledetto, lontano dal suolo che ha aperto la bocca per ricevere il sangue di tuo fratello dalla tua mano.
Questa immagine della madre che beve il sangue, che grida. Questa idea del sangue … Per esempio l’Apocalisse dice: il sangue dei martiri (che poi son o le anime) grida a Dio. Chiedono: fino a quando Signore non interverrai a liberarci? E’ la storia di tutti gli innocenti uccisi. Dio si fa difensore della vittima, ma anche del criminale. E qui per la rima volta trovate il rapporto perdono-peccato. Ascoltiamo:
Disse Caino al Signore: troppo grande p la mia colpa per ottenere il perdono.
Domanda fondamentale questa. Dio può perdonare tutti i peccati, tutti i crimini? Ma allora come si fa con la giustizia, le conseguenze di una cattiva azione, di un crimine, di un delitto, restano impunite.
Alcuni arrivano a dire che nella Bibbia in realtà il linguaggio è questo: non c’è la parola castigo; per noi non è possibile una legge senza giudizio, senza castigo. L’idea è che il male porta dentro di sé le conseguenze: non serve che intervenga Dio. La rappresaglia, la vendetta è un prolungamento del peccato. Al punto che un famoso magistrato di Milano (Colombo) ha scritto un libretto: “Il perdono responsabile”. Lui diceva che la soluzione non è il carcere, perché il carcere non risolve il problema del male. Può impedire che faccia danni, ma non risolve il problema.
Vediamo come risponde Dio a questa domanda di Caino, che è una domanda di umanità. Il male non ha possibilità di essere eliminato in radice. Non semplicemente pagando, ecco il problema. La riparazione è un’altra cosa che vuol dire riparare le conseguenze del male prodotto. Ma è diverso dal peccato che può essere solo perdonato.
Ecco tu mi scacci oggi da questo suolo e dovrò nascondermi lontano date; io sarò ramingo e fuggiasco sulla terra e chiunque mi incontrerà mi ucciderà. Ma il Signore gli disse: Ebbene, chiunque ucciderà Caino subirà la vendetta sette volte. Il Signore impose a Caino un segno, perché nessuno, incontrandolo, lo colpisse. Caino si allontanò dal Signore e abitò nella regione di Nod, a oriente di Eden.
Ed è legato alla storia del peccato, alla parabola dei due alberi.
Poi avete il proseguimento del racconto: discendente di Caino è Lamec che alle due mogli (Ada e Silla) fa questo canto che verrà ripreso, ribaltandolo, nel Vangelo di Matteo:
Ada e Silla, ascoltate la mia voce;
mogli di Lamec, porgete l’orecchio al mio dire.
Ho ucciso un uno per una mia scalfittura
e un ragazzo per un mio livido.
Sette volte sarà vendicato Caino,
ma Lamec settantasette.
E voi tornate alla parabola famosa di Matteo che inizia con un dialogo tra Gesù e Pietro: quante volte dovrò perdonare se un mio fratello commette una colpa contro di me? Fino a sette volte? Gesù risponde: fino a settanta volte sette, che è il rovescio della rappresaglia. La rappresaglia non è giustizia. E per controllare la rappresaglia, la vendetta infinita (quella di Lamec, progenitore della tecnologia; da lui sono derivati quelli che hanno fuso il ferro; e dunque la spada di Lamec è simbolo della tecnologia al servizio della violenza infinita, illimitata.) Gesù non inventa. Dio blocca la vendetta perché mette un segno per proteggere Caino; difende la vittima, ma anche il criminale.
La legislazione umana nel II millennio conosce  il Codice di Hammurabi, una serie di principi per il contenimento della rappresaglia illimitata e dice così: occhio per occhio e dente per dente. Questo è il diritto internazionale dalla Mesopotamia all’Egitto. Se uno ti cava un occhio, tu puoi cavargli solo un occhio. Questa è perfetta giustizia. Cioè è un limitare la vendetta infinita o arbitraria.

Evidentemente c’è un altro modo di ristabilire le giuste relazioni. E poi entriamo nel concetto di giustizia biblica. Che non è quella dei codici (la tassazione, la distribuzione delle cose,…) da cui il concetto di giustizia come giusta divisione delle parti. La giustizia, sedeqah, è quella che consente di vivere una relazione giusta; e una relazione è giusta perché fa vivere bene. Ristabilire una relazione che consente la vita tua, degli altri, degli altri viventi del pianeta terra: questa è giustizia. Vedete per noi fare giustizia è il contrario del perdono. Per la Bibbia il massimo perdono è la massima giustizia. La vera giustizia è ristabilimento della vera relazione tra le persone.
Una relazione che quando è infranta da un peccato, cioè l’incapacità di vivere relazioni positive, dal disamore o dall’odio, che diventa violenza distruttiva, l’unico modo è quello di far ripartire la relazione positiva. E chi è che può fare questo? Solo colui che sta all’origine della vita. Avete capito perché il perdono è solo di Dio?
E noi possiamo, dentro questa grande corrente del perdono di Dio, condividerlo, renderlo attivo nella circolazione della famiglia, della comunità: il perdono umano. Da cui la preghiera rimetti a noi: tu puoi perdonare, solo tu. E allora anche noi potremo perdonarci gli uni, gli altri. Che non è solo non pensare, non vendicarsi, ma far ripartire la relazione.

Io vorrei chiudere con un testo dell’unico personaggio che si firma nella Bibbia, si chiama Gesù Ben Sira (Siracide), di Gerusalemme, un grande intellettuale. Lui insegna ai figli delle famiglie bene. Ha un trattato per tutte le cose (come scegliere la moglie, come educare i figli, come sistemare una figlia,…) e parla anche del perdono che si trova alla fine del capitolo 27, inizio del 28.
Rancore e ira sono un abominio
il peccatore li possiede.
Non coverai rancore contro il figlio del tuo popolo. Riprendi apertamente il figlio del tuo popolo per non caricarti di un peccato. Amerai il prossimo tuo: l’unica volta in cui si parla del prossimo: non portare rancore. Il contrario del rancore è: amore del prossimo. Ancora, rancore e ira sono destino del peccatore.
Chi si vendica avrà la vendetta dal Signore
ed egli terrà sempre presenti i suoi peccati.
Perdona l’offesa al tuo prossimo
e allora per la tua preghiera ti saranno rimessi i peccati.
Se qualcuno conserva la collera verso un altro uomo,
come oserà chiedere la guarigione al Signore?
Egli che non ha misericordia per l’uomo suo simile,
e osa pregare per i suoi peccati?
Egli, che è soltanto carne, conserva il rancore;
chi perdonerà i suoi peccati?
Ricordati della tua fine e smetti di odiare,
ricordati della corruzione e della morte
e resta fedele ai comandamenti.
Ricordati dei comandamenti.
E non avere rancore verso il prossimo,
dell’alleanza con l’Altissimo
e non far conto sull’offesa subita. (Sir 28, 3-9)

E’ un testo molto interessante su questa condivisione della misericordia di Dio, partendo da due/tre principi o esperienze religiose: la preghiera efficace, la fragilità e poi il senso dell’alleanza (il rapporto con Dio fondato sulle dieci parole).

Possiamo chiudere qui. Io ho detto che sono più i problemi che non le soluzioni nella Bibbia; la Bibbia aiuta a pensare il rapporto religioso con Dio e io sono sempre più convinto  che il perdono è il cuore, il centro dell’esperienza religiosa. Intendendo il perdono, non solo come cancellazione rimozione, ma anche come possibilità di vivere la propria vita nonstante tutti gli errori, i fallimenti, le fragilità umane. E’ questo che vale nella propria vita e anche nei rapporti con gli altri. La possibilità di rimettere la propria vita nelle mani del Misericordioso, ci rende poi benevoli, misericordiosi, capaci di dare credito anche nelle situazioni umanamente assurde, impossibili. E senza un minimo di perdono condiviso è impossibile la vita familiare, sociale, ecclesiale. Il che non vuol dire che chiudiamo gli occhi di fronte al male; per poter ottenere il perdono occorre avere consapevolezza piena del peccato. Chi rimuove il peccato e dice: io sono a posto, non ottiene il perdono, perché il perdono presuppone che tu abbia coscienza del tuo limite, della tua fragilità e del peccato esplicito per poter contare su questa  iniziativa libera e gratuita che fa ripartire la relazione con Lui e con gli altri, come giustizia.

Sei qui: Home LITURGIA Incontri di Formazione "IL PERDONO NELLA BIBBIA"

Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più consulta la COOKIE POLICY.